SUKIA: L’ultima erezione (1978)

“Solo in questi momenti, nel descrivermi quello che doveva essere stato il suo ultimo scontro, appariva calmo. Delle ferite e delle collisioni parlava con la tenerezza erotica di un amante a lungo separato dall’amata”.

sukia_ultima_erezione

Copertina di Emanuele Taglietti

 

Nel 1973 esce uno dei romanzi più celebri di James Ballard: Crash, storia soffocante e morbosa di gente che si eccita sessualmente con gli incidenti stradali. Siccome Sukia è una testata calata nella modernità e nelle contraddizioni dell’uomo contemporaneo, a differenza delle sorelle maggiori Jacula e Zora, lo spunto viene ripreso cinque anni dopo nel numero 6 L’ultima erezione. Come ogni collana con protagonista femminile che si rispettasse, almeno all’inizio c’era una continuity strettissima e appassionante. Il cliffhanger al quale eravamo rimasti riguardava una vettura dell’ottovolante che esce dai binari e si fracassa con conseguenze ovviamente orribili per gli occupanti. Mica un camion contro un’utilitaria, mica un banale treno deragliato, bensì una diavolo di vettura dell’ottovolante che esce dai binari e si fracassa. È l’Edifumetto, bellezza. Questo genere di scene, poi, è il motivo principale per il quale mi sono appassionato ai tascabili sexy.

Ordunque, Sukia ha assistito alla scena e ha notato “l’espressione sorridente di un altro testimone del dramma” e decide di seguirlo. Poi lo perde perché il maniaco è entrato in un bordello. Provoca gli incidenti per attizzarsi e subito dopo va a puttane finché l’erezione gli regge. Questo in Ballard era un po’ diverso. Dalle scene di sesso, non ancora hard (grazie a Satana, non so se avete presente le scene hard di Sukia), apprendiamo che il signore ce l’ha piccolo e soffre di eiaculazione precoce. Niente complessi psicologismi o erotismo metafisico: sei un bastardo psicopatico perché hai il cazzetto e vieni subito. Il che, se permettete, è più realistico di Crash. La cifra stilistica di Sukia è il realismo urbano. Altroché.

sukia_auto

La vampira torna a casa e il giorno successivo bussa alla porta dietro alla quale aveva visto sparire l’uomo la notte prima. Scopre che si tratta di un casino e, elargendo qualche mancetta, che mr. Cazzetto era già passato di lì poco tempo prima in coincidenza con un altro orrendo sinistro con 30 vittime. Ok, era una semplice bomba su un bus ma non preoccupatevi, zio Barbieri ne ha in serbo un’altra fortissima: il mostro costringe l’operaio di un cantiere, coltello alla gola, a sfasciare una corriera di passaggio con una palla da demolizione.

wreckingballsukia

Realismo urbano

 

Ma ora la vampira di New York sa dove trovarlo. Il maniaco scappa dalla finestra nudo e costringe una donna in auto a portarlo in fuga “altrimenti la strangola”. Segue inseguimento alla Braccio violento della legge. La macchina si schianta, la tipa muore e il tizio, già che c’è, si arrapa. Ma Sukia ormai l’ha raggiunto. E non si cazzeggia con Sukia, che castiga lo stragista con i suoi canini. Poi, come accadeva spesso, si salta di palo in frasca e parte un’altra avventura che si concluderà nel prossimo numero, con un professore rumeno che, incontratala a una festa (dove la nostra amica si era recata perché “aveva voglia di un bell’uccellone”), riconosce nella vampira le fattezze della defunta contessa transilvana Sukia Dragomic, apparentemente morta nel diciannovesimo secolo…

ultimaerezione_sukia

Gary, il maggiordomo omosessuale di Sukia, icona gay indiscussa del fumetto erotico italiano, aveva fatto la prima apparizione nell’episodio precedente Il vampiro della sauna blu (potete immaginare cosa si combinasse nella sauna blu prima che un vampiro venisse a rompere le scatole). È ancora molto effeminato e, per il momento, defilato dall’azione. Con il proseguire della serie si farà sempre più macho e ardimentoso, tanto da finire per diventare il vero protagonista (Ciccio Russo).

Sukia_GaryTitoli di coda:

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Recensioni e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a SUKIA: L’ultima erezione (1978)

  1. Pingback: SUKIA: Gigolò (1981) | Zora, Sukia, Ulula e le altre

  2. Pingback: Pubblicità interne #1 | Zora, Sukia, Ulula e le altre

  3. Pingback: SUKIA – In due a Sexyland (1979) | Zora, Sukia, Ulula e le altre

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...